WeCatania

NO! Questo NON è un LOGO di CATANIA! Ma un sistema visivo che crea un linguaggio comune per tutta la Città

NO! Questo NON è un logo bensì un sistema. Un sistema visivo che non dipende da nessuno forma pre-impostata e che tutti possono riprodurre pur non essendo artisti o designer. Non serve a “vendere” la città ai turisti ma a legarsi al cuore e all’anima dei residenti e di chiunque ami Catania, la sua storia, la sua cultura e la sua essenza più pura.

Il Simbolo di una “Catanesità” nuova che rispetta il suo passato ma che ha bisogno di innovare e cambiare per entrare in un futuro migliore. Un futuro fatto di metropoli moderne che si mischiano a leggende antiche. Di sapori tradizionali che si fondono a nuovi gusti. Una Catania che conosce e rispetta la “tradizione” ma che non ha paura di costruirvi sopra qualcosa di nuovo.

Catania è una metropoli estesa e variegata che va allontanata dagli stereotipi di una Sicilia inflazionata fatta solo di fichi d’india ai bordi delle strade, mare, spiagge e scenari naturali dai toni gialli baciati dal sole.

Bisogna comprendere che, la Sicilia, non è un villaggio turistico ma una Regione che offre sia la frenesia delle metropoli e del business che il relax e lo stereotipo dell’accoglienza turistica.

IL CASO DEL CITY BRANDING (LOGO) TURISTICO DI CATANIA DEL 2015, UNO DEI FATTORI CHE HA DATO VITA AL SIMBOLO INDIPENDENTE DI CATANIA

Un brand per promuovere la città in tutto il mondo, lo stemma è e resta l’elefante, ma avevamo bisogno di un logo che mettesse insieme tutti gli elementi per i quali Catania è nota e che possono aiutarci a promuovere il nostro territorio. Il logo infatti, rappresenta gli elementi che ci caratterizzano e per i quali siamo noti in tutto il mondo, a partire dall’Etna“.

Catania è conosciuta infatti come la città del vulcano e quindi il simbolo di Catania dev’essere legato alla valle dell’Etna, all’Etna Valley. Il secondo elemento è la lettera A, che richiama la storia, l’identità della città: la A di Agata, la Patrona, la A di Atena, dea greca mitica fondatrice, e la A del dittongo Aetna. E i colori non possono che essere il rosso e l’azzurro e anche la scritta Catania non ha i caratteri ufficiali e freddi della burocrazia, ma quelli che esprimono freschezza e ottimismo”.

A illustrare il brand insieme al Sindaco sono stati il creativo Milko Vallone, che lo ha realizzato donandolo gratuitamente alla città, e il consulente del Sindaco per il Marketing Territoriale Livio Gigliuto.

“L’immagine – ha spiegato Vallone – racchiude, in pochi tratti, la storia di Catania e lo stile pittorico del logo richiama l’anima marittima e mediterranea della città. L’estrema sintesi utilizzata porta a una immediata riconoscibilità che consente di poter utilizzare il brand per i più svariati supporti”.

“Catania – ha aggiunto Gigliuto – aveva bisogno di un logo riconoscibile in tutto il mondo, che svolgesse funzioni di marketing del territorio e fosse utilizzabile per scopi di promozione, turismo e merchandising”.

I territori sono e le persone che li vivono non sono prodotti da vendere ma culture da comunicare e da evolvere. Quando un territorio diventa “Brand” seguirà le regole del mercato e non della storia. Diventerà solo qualcosa da pubblicizzare non per chi lo vive ma per chi lo vuole solo visitare. Per comunicare un territorio bisogna scavare nel passato ma progettarlo per il futuro. Bisogna essere in grado di comunicarne la reale essenza. Non deve promuovere ma essere condiviso e raccontato di generazione in generazione.

Pensi che l’attuale “logo” della città di Catania sia utile a comunicare tutta l’Etna Valley e Funzioni come deve? Ti senti rappresentato da quel simbolo grafico presentato e approvato nel 2015? Noi no, ecco perché è uno dei motivi perché è nato il SIMBOLO (NON LOGO) INDIPENDENTE DI CATANIA.

Un nuovo simbolo per identificare l’essenza di CATANIA e di chi la ama. Un simbolo semplice che chiunque può riprodurre, comprendere e raccontare con estrema Semplicità.

solo 3 linee e 3 colori ⚫ Etna 🔴 Lava 🔵 Mare i tre elementi senza i quale non esisterebbe il concetto stesso di CATANIA. Tutto il resto lo mette chi lo indossa, vive e crede in lui. Un punto di partenza privo di artefatti, simbolismi religiosi o esclusivi. Sembra quasi voler dire “C’era una volta” e lasciare ad ognuno raccontare la propria storia di Catania che, sicuramente, avrà a che vedere con gli elementi che questo simbolo porta come valori di unicità territoriale.

Un Simbolo così flessibile che si unisce anche ad altri Simboli. Scopri, ad esempio come grazie a questo sistema visivo CATANIA è diventata la prima città italiana a possedere una bandiera Pride Geolocalizzata.

Questo NON è un LOGO per Catania perché non la vuole vendere ma far vivere, Questo NON è un LOGO per Catania perché è un sistema flessibile che può essere chiuso in un cerchio, avvolto in una maglietta o sventolare come bandiera, è flessibile, fluido, versatile proprio come le persone che vivono la città di Catania (Residenti o turisti). NON è un LOGO per CATANIA perché non lo ha commissionato nessuno, non ha dietro un cliente o un’Amministrazione comunale, è indipendente, per le persone e delle persone ed esiste solo per chi crede in lui senza volersi imporre su tutti gli altri.

Per chi vorrà approfondire, di seguito un video del Designer autore del Simbolo Indipendente di Catania, BOB Liuzzo, Realizzato come sfogo nel 2015 in occasione della presentazione del LOGO TURISTICO DI CATANIA da parte dell’Amministrazione Comunale.

Altre Storie

Scroll to Top